Pannello Gabbiodren Forte

Descrizione

Nei corpi di frana particolarmente estesi e complessi possono essere presenti condizioni generali che non permettono una risoluzione definitiva del problema gravitativo ma sui quali si interviene spesso con interventi di mitigazione, il più possibile incisiva, e di drenaggio delle acque di infiltrazione.

Le acque meteoriche infatti infiltrando tali corpi, fino al piano di scorrimento, tendono a fluidificare la massa.

Quando ciò accade si possono verificare riattivazioni dei movimenti e recrudescenze dei cinematismi.

In questi casi si sviluppano corpi di frana complessi, anche molto estesi, con sovrascorrimenti delle coltri (aumento degli spessori) in ammassi maturi e all’interno dei quali la circolazione idrica è particolarmente complessa e di difficile interpretazione.

Queste condizioni di movimenti franosi in corpi gravitativi in continuo e lento movimento pongono non pochi problemi nella progettazione e nella scelta delle tecniche idonee alla mitigazione del dissesto. Infatti è spesso necessario tenere presente che l’ammasso sarà soggetto a potenziali riattivazioni e a movimento delle masse anche successivamente all’installazione dei sistemi drenanti. Tali sistemi dovranno possedere pertanto caratteristiche di resistenza e durabilità particolari.

L’utilizzo di pannelli drenanti Gabbiodren® tipo FORTE è particolarmente utile quando le condizioni di sollecitazione sui sistemi di drenaggio episuperficiali possono essere molto intense ed il piano di imposta profondo.

Infatti, grazie all’elevata resistenza meccanica e deformativa del nucleo e dello scatolare metallico, il drenaggio risulta particolarmente resistente a tensioni di taglio e schiacciamenti, sia verticali che orizzontali.

Grazie a tali caratteristiche, il pannello mantiene elevatissime capacità di smaltimento idraulico anche quando sottoposto a forti pressioni di esercizio.

Un’altra applicazione particolarmente interessante del Sistema Gabbiodren® tipo FORTE risulta l’utilizzo in discarica per il drenaggio di percolati o di acque a forte carico inquinante circolanti all’interno del corpo di discarica.

Infatti l’inerzia chimica del polietilene che forma il filtro e il nucleo drenante consentono questo tipo di applicazione; anche la struttura metallica che forma lo scatolare di contenimento può avere un rivestimento in polimero plastico per consentire una maggiore protezione e durabilità in ambienti particolarmente aggressivi.

Schede tecniche

Voci di capitolato

Disegni tecnici

pdf    Gabbiodren

Applicazioni

Trincea drenante