NaBento

Descrizione

Il NaBento è una geomembrana bentonitica (GCL) in cui della bentonite di alta qualità viene racchiusa all’interno di una struttura a sandwich costituita da vari tipi di geotessili.

Un’elevata percentuale della bentonite impiegata è costituita da montmorillonite, un’argilla a tre strati. La Montmorillonite è un’argilla minerale con un’elevata espandibilità potenziale conferitale dall’enorme superficie delle particelle: 800 mq/g.

Durante il processo di idratazione le molecole d’acqua vengono bloccate sia all’interno delle particelle di argilla, che tra le stesse; in questo modo la bentonite tende ad espandersi riducendo via via il passaggio dell’acqua all’interno del geocomposito NaBento, e in combinazione con la pressione dovuta al carico di confinamento, si ottiene una bassissima permeabilità del geocomposito. La permeabilità della bentonite si riduce all’aumentare del carico. Nella maggioranza delle situazioni un valore di permeabilità di circa 5×10-11 m/s viene reputato idoneo per sostituire uno strato di argilla convenzionale con il NaBento.

I geocompositi bentonitici vengono comunemente realizzati con bentonite sodica, caratterizzata da un elevato indice di rigonfiamento quando viene a contatto con l’acqua. Grazie a questa sua proprietà, i geocompositi bentonitici garantiscono un efficace effetto impermeabilizzante anche con bassi sovraccarichi ed in costante presenza d’acqua.

Con il passare del tempo però, a causa dello scambio ionico che avviene quando i geocompositi bentonitici si trovano a contatto con il terreno, la bentonite sodica tende a trasformarsi in bentonite calcica. Questo processo, naturale ed inevitabile, può determinare un aumento della permeabilità del geocomposito. Per evitare questo fenomeno, riducendo al tempo stesso i fenomeni di ritiro, tipici della bentonite sodica, la Huesker è in grado di produrre il NaBento anche con bentonite calcica.

La speciale cucitura di tutti i componenti costituenti il NaBento (geotessili di supporto ed aerofeltro) permette di ottenere una resistenza interna al taglio elevata e costante nel tempo. Inoltre i geocompositi bentonitici agugliati e non rivestiti sono più sensibili a fenomeni di ritiro trasversale rispetto al NaBento rivestito.

La combinazione ottimale tra i geotessili di supporto, le cuciture e l’aerofeltro che trattiene la bentonite garantisce l’ottenimento di elevati e costanti valori di resistenza interna al taglio del NaBento, rendendo in questo modo possibile la posa su scarpate inclinate fino a circa 35° senza che avvenga la rottura interna del NaBento.

Il NaBento RL-N ed il NaBento RL-C sono prodotti con uno speciale rivestimento superficiale che permette di incrementare il valore di angolo di attrito con i materiali ed i terreni a contatto. Grazie a tale rivestimento, il NaBento RL-N e il NaBento RL-C sono meno sensibili all’essicazione rispetto ad altri geocompositi bentonitici. In questo modo viene quindi assicurato un valore di permeabilità costante nel tempo.

 

NaBento

Applicazioni con NaBento

Impermeabilizzazione discarica

Impermeabilizzazione idraulica